Saliamo le scale del sesso orale

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

pompini

Riprendo il discorso intrapreso nel capitolo precedente, ovvero ‘Dare piacere con la bocca’. Continuo con la metafora della casa e delle scale da salire. Adesso siamo al terzo piano, vediamo cosa ci riservano di stimolante rispetto al sesso orale i prossimi piani.

 

Terzo piano: il fulcro della questione. Mettiti in ginocchio. Ogni albero ha un tronco, ogni edificio il proprio perno e ogni colonna il suo pilastro. Non fare la sbadata! È chiaro? Ogni uomo ha il suo pene. Lo so: visto da vicino, non sembra chissà quale meraviglia. In più, ti ricordi quello che hai pensato la prima volta che ne hai visto uno quando eri al liceo? lo sì che lo ricordo: mi sembrò orripilante. Però, sai bene che l'abitudine alimenta l'amore. Con il passare degli anni, ho capito che l'utilità di questo strumento non ha niente a che vedere con la bellezza. Quanto piacere è racchiuso in un attrezzo del genere! Prendilo in mano. Attenta! Non stringere troppo: gli farai schizzare gli occhi fuori dalle orbite o gli farai venire un livido. Vedi la vena che scorre sotto? È uno dei punti più sensibili. Se la premi dolcemente, lo farai eccitare di più.

 

Quarto piano: l'attico. Nella zona superiore del pene si trova il prepuzio. Accarezzalo verso il basso per farlo ritirare: avrai una sorpresa. Ecco scoperta la punta del pene. Non preoccuparti se esce del liquido: a queste altezze, il tuo uomo è così eccitato da non riuscire a contenersi.

Il potere dell'immaginazione è incredibile. Quando eri piccola ed entravi in cucina mentre tua madre stava preparando una bellissima torta al cioccolato, non ti veniva l'acquolina in bocca al solo pensiero che dopo te la saresti mangiata? Ecco, la stessa cosa accade anche a lui in questo momento.

 

Quinto piano: la terrazza. Sarebbe un peccato non arrivare alla fine e godere della vista. Non fermarti adesso o il tuo fidanzato non te lo perdonerà mai: è il momento magico del sesso orale. Piega la testa e lecca dolcemente la punta, poco alla volta, con movimenti intermittenti. Fa in modo che lo desideri, lo aspetti, lo immagini ... Lo tieni in pugno: senti come geme? Se non lo fa, non dargli un minuto di tregua finché non lo farà.

Può capitare che ti muova qualche critica. Perché non giochiamo un po' per rilassarci? Sono certa che in questo momento sei molto eccitata e sono anche sicura che ti piacerebbe assaporare un gelato, con il suo involucro e le due palline ai gusti. A me piacciono fragola e panna. Prendi l'involucro-pene con entrambe le mani. Chiudi gli occhi e avvicinatelo alla bocca. Lecca poco alla volta. Non vorresti che finisse mai! Lentamente, mentre ti accorgi che è buonissimo, mangia con avidità crescente. Gronda ai lati: non perderti neanche una goccia, segui ciascun rivolo con la lingua.

 

Adesso ti resta il cono. Devi mangiarlo. Mettilo in bocca e ... Ti consiglio di coprirti i denti con le labbra. Stiamo parlando di una delle zone più sensibili del tuo fidanzato. Non vogliamo fargli del male, perciò abbassa la testa e prendi il pene in bocca. Non lasciarlo tranquillo: muovilo su e giù, circondalo con la lingua. Lascia scorrere la saliva e aiutati con leggeri movimenti del capo.

Per il momento fermiamoci qui, nel prossimo articolo vedrai le stelle con il sesso orale!

Questo contenuto è stato archiviato. Non è più possibile inviare commenti.