Come ci si masturba? La sessualità femminile

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

sesso amatoriale

Scegli un posto tranquillo e comodo. Stacca il telefono, inserisci la segreteria e accosta le tende. È meglio che non ti disturbi nessuno.  Accendi una candela profumata, abbassa le luci e, se fa freddo, alza la temperatura della stanza.

 

Osservati bene con l'aiuto di uno specchio. Ti potrà sembrare strano, ma ti aiuterà, all'inizio, a trovare il piacere e a conoscere meglio i tuoi genitali. Gli uomini lo trovano molto sexy ... perciò guardati come se si trattasse di una zona preziosa e ad alto voltaggio erotico.  Più ti familiarizzerai con le tue zone intime, meglio saprai stimolarle.

 

Alcune cose ti saranno molto utili: per cominciare un lubrificante (vasellina o olio per neonati), poi qualcosa da leggere (una raccolta di fumetti erotici o un romanzo a luci rosse), un vibratore ...

 

Comincia a massaggiarti i seni e concentrati su come reagiscono al tatto. Osserva come si induriscono i capezzoli mentre l'eccitazione comincia a salire. Senti la pelle morbida sotto le mani e pensa quanto la deve trovare setosa il tuo fidanzato.

 

Pensando a cose oscene, fai scivolare la mano fino alle mutandine, toccati la parte interna delle cosce e provocati facendo scivolare un dito sotto il tessuto. Lascia che la mente divaghi insieme al movimento delle mani. Non ci sono limiti.

 

Ora, con il lubrificante, esplora la vagina con le dita. Separa le labbra con una mano e comincia a stimolarti dolcemente la clitoride con l'altra. Se vuoi, prova a far scorrere il dito su un lato della clitoride oppure metti le dita su entrambi i lati e poi sfrega dolcemente con un movimento circolare. Puoi anche provare a dare un «colpetto» con la punta del dito.

 

Se hai un vibratore, accendilo alla posizione più bassa e lascialo scivolare su tutta la zona vaginale, introducendotelo e poi sfregandoti la clitoride. Cerca di trovare il punto G, collocando la punta del vibratore verso il ventre. Se incontri una zona supersensibile, fermati e concentrati in quel punto per qualche secondo.

 

Che cosa ti piace? La stimolazione diretta sulla clitoride senza previo riscaldamento? O preferisci che ti provochino un po' prima di lasciarti toccare la vagina? Concentrati sui pensieri che ti hanno eccitato. Di fatto, cerca di raccogliere più informazioni che puoi su ciò che ti eccita e su come ti piace farti toccare. Senza queste esperienze non arriverai a conoscere davvero la tua sessualità.

Questo contenuto è stato archiviato. Non è più possibile inviare commenti.